Le poesie di Romolo Vero
baraccopoli
Romolo Vero
è un anonimo estensore di versi la cui peculiarità e lo spirito che lo anima è quella di mettere in ridicolo, criticando aspramente ma anche in maniera molto ironica, certi comportamenti, non accettabili in una società che si proclama moderna ed evoluta quale la nostra. Insomma, un tentativo di richiamare le persone ad una riflessione sul vero significato dei propri comportamenti nell’ambito delle relazioni sociali. Per tali motivi, pur manifestando qualche perplessità su alcune espressioni “forti” contenute nei suoi sonetti (che però, ci pare rendano bene l’idea), abbiamo deciso di pubblicare alcuni lavori collocandoli in questa Rubrica che abbiamo deciso di aprire, invitando quanti volessero partecipare a riempirla di contenuti, a spedirci i propri lavori.

Dedicata all’AMA
Stanno incazzati, a Tor de Mezzavia.
Pe’ strade e marciapiedi è ‘na schifezza;
mancheno i cassonetti, e la monnezza
ce vonno giorni pe’ portalla via.

E ‘r Capozzona ? Quella bona pezza
sta sempre fori: in ferie, in malattia….,
oppuramente, …è appena annato via!
Che nun lo becchi mai…è ‘na certezza!

Ma ce vo’ poco pe’ cambia’ st’andazzo:
basta che all’AMA tengheno presente
che a fa’ campa’ st’azzienda da strapazzo,

so’ li quadrini der contribbuente!
Eppoi, nun jje se chiede de fa’ er mazzo;
benzì n’impegno serio, chè …la gente

de ‘sto modo de fa’…s’è rotta er c***o!!

Romolo Vero - ottobre 2013


separatore


Er nasone a Tor de Mezzavia
Se sa che a Roma è ‘n simbolo, er nasone;
mentre a Firenze, a Napoli, a Torino,
a Vienna, a Londra o, che ne so, a Berlino,
trova’ ‘na funtanella è n’eccezzione!.

Pe’ cui: turista o tresteverino,
quanno che a Roma picchia er solleone,
te poi leva’ la sete dar nasone,
funtana bona p’ogni cittadino.


Mò si tu penzi che ‘sta sciccherìa,
che ‘sto servizzio a la popolazzione
stà in piazza e ar parco a Tor de Mezzavia…


Pe’ l’abbitanti è ‘na soddisfazzione!
Manca la scòla? E che voi che sia!
Poi se farà…, pe’ mò ce stà er nasone!

Romolo Vero - agosto 2012


separatore


baraccopoli
Li volenterosi de Tor de Mezzavia
Quello che dico qua nun è buscìa:
o c’è ‘r Comune, o Roma Capitale,
nun cambia gnente! A Tor de Mezzavia
nun c’è un servizzio pubblico normale.

Er bus sempre in ritardo… naturale;
l’Ama passa ogni tanto, …a scappa’ via.
E si parlamo de Municipale,
o nun c’è mai , o n’affacciata… e via!.

Fortuna che ce stanno cittadini
co’ volontà de partecipazzione!
Nun so’ né giardinieri e né scopini,

ma cureno le piazze e li giardini.
Eppoi… è grazzie a loro si è in funzione
er parco giochi de li regazzini!

Romolo Vero - Aprile 2012


separatore


baraccopoli


Cestini e monnezza

A proposito di comportamenti incivili, pubblichiamo una composizione di Romolo Vero, che tratta un problema che da un po' di tempo interessa il nostro quartiere. Alcuni abitanti usano lasciare il proprio sacchetto dell'immondizie appeso ai gettacarte nella piazza antistante il supermercato Elite, l'autore a cui non sfugge nulla, prende spunto e ne trae, come sempre, alcuni versi dialettali.

Chissà ndo’ schiafferai carte, scontrini,
zeppetti, cianfrusaje e fazzoletti,
visto e considerato che a li cestini
ce attacchi tutti i giorni ‘sti sacchetti?

Seconno te - parlanno de monnezza
che ce staranno a fa’ li cassonetti?
Te devo fa nota’, co’ gran franchezza,
che ‘sti comportamenti so’ scoretti !!!

‘Ndove ce so’ i cestini - questo è chiaro
né la pigrizia, né er menefreghismo
conzenteno de facce er monnezzaro.

Perciò, quanno che sorti da ‘r palazzo
co’ l’intenzione d’aggancia’ er sacchetto,
prova a penza’ che adesso...hai rotto er c..zo!


Romolo Vero - febbraio 2011

separatore


baraccopoli
L’arbero de Natale dell’Ikea
Pure quest’anno co ‘r Santo Natale
in giro se so’ visti tanti doni:
li mejo, come sempre, a li più boni,
e a tutti l’antri, ’na cosa normale...

A parte, ce stà er dono che l’Ikea
ha fatto a chi je abbita vicino,
a Via Anagnina, dietro ar magazzino,
‘ndove s’è presentata co’ n’idea

nova, diverza…, assai particolare!
De notte,… pe’nun procura’ fastidio,
su ‘r tetto de quer sito commerciale

cià collocato n’arbero speciale,
fatto d’acciaio, senza palle appese.
La gente ’ntorno c’è rimasta male

e dato che nun parla lo svedese,
guarda incazzata l’arbero d’acciaio,
penza all’Ikea e la manna… a quer paese!


Romolo Vero - dicembre 2010

separatore


Coerenza e politichetta

Con questi versi l'autore vuole porre l’accento sui comportamenti contraddittori di certi politici locali che per ragioni di convenienza non esitano a smentire cio che un minuto prima avevano affermato.

Dice che all’Assemblea Municipale
du’ giorni fa ce stava in votazzione
una proposta de Risoluzzione
che, ar Sindaco de Roma Capitale,

jje chiede de pijjasse, in tutta fretta,
strade e area verde a Tor de Mezzavia
‘nzieme a tutto er resto, ovverosia:
er tennise, le bocce e la casetta.

Quanno s’ è aperta, poi, la discusione,
mettenno ‘n mostra tanta supponenza
du’ conzijeri de l’opposizzione

cianno tenuto a di’ con insistenza
che la proposta de Risoluzzione
seconno loro era ‘na scemenza!

Ma lì ce stava ‘na delegazzione
de residenti a Tor de Mezzavia...
Sicchè, ar momento de la votazione,

è stato er trionfo dell’ipocrisia:
buttata la coerenza a lo sciacquone,
...hanno votato a favore... e così sia !


Romolo Vero - ottobre 2011

separatore


Cani... e padroni (Dejezioni canine)

Per venire a capo di questa annosa questione non sono bastati gli strumenti finora messi in campo dall'Amministrazione capitolina. Campagne di sensibilizzazione e azione repressiva (modesta, per la verità) hanno prodotto risultati minimi.

Evidentemente, la soluzione del problema è legata alla maturità civile dei proprietari dei cani i quali dovrebbero rendersi conto che le dejezioni canine lasciate qua e là causano problemi d'igiene (soprattutto per i bambini) e di sicurezza (particolarmente per gli anziani). Mentre fiduciosi, aspettiamo che ciò avvenga,
R.V. ha pensato bene di manifestare in versi dialettali la propria condanna per quei proprietari di cani che mantengono tale incivile comportamento.
Riteniamo che, aldilà di alcune espressioni, la composizione metta opportunamente il dito nella piaga.

Fanno la guardia, so’ giocarelloni,
cor pedigrì, o de razza meticcia,
boni pe’ sta’ in salotto, o pe’ anna’ a caccia:
so’ sempre mejo de certi padroni.

Specie de quelli senza educazzione
che useno le strade e li giardini
(‘ndove vanno a gioca’ li regazzini!)
pe’ fajela fa’ lì la... dejezzione.

Oggi è de moda usà sto parolone
pe’ di’ che un cane ha fatto ‘na cacata!
Però, si voi da’ ‘na valutazzione

su come agisce invece quer padrone,
tu poi afferma’ che ha fatto ‘na stronzata,
dato che nun è un cane, ma un cojone!


Romolo Vero - novembre 2009

separatore


Ancora a proposito di comportamenti incivili. "Riceviamo un'altra composizione in versi dialettali che tratta un problema crescente nella città e nel nostro quartiere: quello del grande numero di auto in circolazione e delle ricadute che ne derivano sulla vita di tutti i giorni. Anche in questa occasione l'autore ci va giù duro con i propri giudizi: ce ne scusiamo con i frequentatori del sito più sensibili; ci sembra però che le definizioni affibiate agli autori di certi comportamenti, anche se un po' crude, siano efficaci"

Automobilisti
Pe’ strada ormai le machine so’ tante,
ma pe’ risorve basterebbe poco:
rispetto de le regole de ‘r gioco
e gnente prepotenze co ‘r volante.

Si ‘nvece guardi in giro, che te vedi?
Le machine che schizzeno veloci;
le soste in doppia fila, sull’incroci,
sopra le strisce, su li marciapiedi…!!

Chiaro e evidente è, che a certa gente,
de rispetta’ le regole de ‘r gioco,
nemmanco je ce passa pe’ la mente!

Onne per cui, chi tiene ‘sta condotta
sicuro, ch’è un soggetto de ‘sto tipo:
o è stronzo oppure...è un fijo de ‘na m...tta!


Romolo Vero gennaio 2010