La Torre nella poesia Romanesca
baraccopoli
La solitudine del luogo insieme al fascino della Campagna Romana hanno ispirato alcuni poeti dialettali nel secolo scorso, sollecitati anche dal particolare nome della torre che si presta a malinconiche riflessioni sul significato della vita.

Augusto Jandolo
Da “Torri del Lazio” (1941) di Augusto Jandolo (1870-1950) poeta romanesco e antiquario in via Margutta. Fu tra i fondatori del Gruppo dei Romanisti che inizialmente soleva riunirsi appunto nel suo studio.

TOR DE MEZZAVIA

Quanno la prima vorta
entrai nell’osteria
ch’è fabbricata addosso, da tre secoli,
a Tor de Mezzavia,
ciavevo ammalappena messo piede
che dissi: - Ma ‘sto posto lo conosco.
Io l’ho già visto! Quanno ce sò stato ?
Cerco tra li ricordi der passato;
nun trovo gnente! Eppuro quer cammino,
nero come l’inchiostro pel gran fume
nun m’ariesce novo! Guarda, er lume
ch’arde davanti a quer Gesù bambino,
io l’ho visto de certo in quarche sito!
Ma nun fu qui, de sera,
che viddi quer riduno de briganti
che se spartiva assieme a li sordati
la robba sgranfignata er giorno avanti?
E quarchiduno de ‘sti brutti grugni
s’era sfibbiata puro la corazza
pe’ mejo abbraccicasse ‘na regazza.
Che mozzichi e che pugni!

Mentre che ‘n imbraco,
montato su ‘na scala, addosso ar muro,
tentava de segà’ co ‘no spadone
la corda a quer lampione
pe’ facce arimanè’ tutti a l’oscuro;
tanto che m’aricordo puro er botto
che fece er lume ner cascà’ de sotto.
Vedi, a l’inferno, l’anime addannate
mai bestemmiòrno così forte Dio
come l’intesi biastimallo io
immezzo a un coro d’urli e de risate!

Restò solo er chiarore
de la brace ch’ardeva ner cammino
a rischiarà’ ‘sta scena de spavento.
E t’arivedo come fosse adesso,
seduto ar posto istesso, un cappuccino
che girava l’arrosto lento lento.
Tutta la sera l’ho sentito dì’:
-Gira, fratello, gira,
gira, nun te straccà’,
perché nun annerà sempre accusì!


Di un altro celebre poeta romanesco, Giulio Cesare Santini, appartenente al Gruppo dei Romanisti sono i seguente versi:

Mentre che ne sto drent’un casale
qui a Tor de Mezzavia, sotto Frascati,
penso a li sogni mii, che so’ cascati
come uccelletti che je taji l’ale.
Sogni de gioventù, belli e indorati,
v’ho corso tanto appresso.
E a che me vale?

Ner core s’è seccato ogni ideale
come se secca l’erba pe’ sti prati.

Ciavevo in mente de tocca’ ‘na cima
dove che brilla un razzo soprumano
ma, invece, l’antri so’ saliti prima.

E qui vedo qual è la vita mia:
avè’ sperato d’arivà’ lontano
e poi fermamme a Tor di Mezzavia!...


di Franca Maria Bagnoli "A Tor de Mezza Via"

Tramonta er sole. Un cane da pastore
abbaja da 'na porta sgangherata
a quarche carrettiere; un cacciatore
traversa la campagna abbandonata.

Er sole s'è anniscosto; er giorno more,
mentre 'na villanella s'è affacciata
de tra li vasi der mignano in fiore
e canta 'na canzona appassionata.

È sera. La campagna è tutta pace
la luna spunta adesso e sur mignano
ce manna un fiocco bianco de bambace.

'Na campanella sona la preghiera,
mentre su la "fittuccia" da lontano,
se sente tritticà 'na sonajera.

Nota: la poesia è del papà Leoniero, redattore per molti
anni dello storico foglio romanesco "Rugantino"