Convocate le rappresentanze territoriali del VII Municipio, su modifiche riguardanti il T.P.L. (Trasporto Pubblico Locale)

Nei giorni scorsi la Presidenza del VII Municipio ha convocato le rappresentanze territoriali dei quartieri del VII Municipio interessati dalle prossime modifiche al TPL (Trasporto Pubblico Locale) a seguito soprattutto della apertura della tratta della Metro C Pantano-Lodi.

Erano presenti i CdQ di Tor di Mezzavia, Casilina-Mandrione, Villa Fiorelli, Porta Asinaria, Osteria del Curato, Nuova Tor Vergata, Comunità Territoriale del VII Municipio e due rappresentanti di un gruppo di architettura.
La Presidente Susi Fantino ha illustrato le caratteristiche generali di queste proposte di variazione al Piano del Trasporto Pubblico Locale che, dopo essere stato presentato alle realtà territoriali, avrà un passaggio in Giunta, seguito poi da un passaggio in Commissione e da quello finale presso il Consiglio del VII Municipio.

L'assessore Francesco Morgia ha evidenziato che le linee su gomma coinvolte sono circa 40 e, da ciò che si è potuto capire, alla base delle variazioni previste ci sono due capisaldi:
a) il collegamento della fermata Lodi della metro C con la metro A di San Giovanni , in attesa del prolungamento della stessa linea C
b) la razionalizzazione dei percorsi soprattutto nella zona extra GRA e per il raccordo trasversale delle linee su ferro passanti per il nostro municipio.

Senza entrare nel dettaglio di tutte le linee coinvolte le maggiori novità interessano l’attivazione di una navetta, con frequenza di circa 3 minuti, che possa portare i passeggeri che scendono a Lodi fino a San Giovanni percorrendo su sede protetta Via La Spezia. Ovviamente data la delicatezza di quel tratto stradale andrà verificata la sostenibilità di una tale frequenza di passaggio, atteso che nelle ore di punta dovrebbero arrivare alla fermata Lodi circa 4000 utenti all'ora.

Seppur brevemente si sono analizzati alcuni percorsi, ovviamente quelli che ogni comitato conosce meglio, e si è potuto notare come, soprattutto nella zona extra GRA si è riusciti a ridisegnare i percorsi senza far mancare il collegamento a nessuna zona ma ottimizzando ed equilibrando il numero di km percorsi dalle varie linee. Alcuni quartieri peraltro (vedi Tor Vergata Nuova) avranno per la prima volta un collegamento.

Altro sforzo è stato certamente quello di collegare le fermate della metro A con quelle della metro C in senso trasversale dando impulso alla intermodalità.
Da ultimo è da sottolineare la tendenza a far coincidere i percorsi festivi con quelli feriali.

In sintesi, anche se solo "sul campo" si potrà verificare la bontà delle proposte, ci sentiamo di appoggiare il lavoro dell'assessore Morgia, della Presidenza e dei tecnici coinvolti che confidiamo sarà condiviso dagli altri rappresentanti municipali con un favorevole voto di Consiglio. Infatti, seppur per motivi differenti, non è procrastinabile la rivisitazione di alcune linee sia nella parte centrale, per evitare che paradossalmente l'apertura della metro C si risolva in un immenso ingorgo in zona San Giovanni, sia in quella periferica, dove molte linee di percorrenza del nostro municipio non sono utilizzate perchè hanno tempi biblici.

Maurizio Battisti
Coordinatore della Comunità Territoriale del VII Municipio